VQR 2015-2019: la qualità della ricerca INSTM è sempre eccellente

INSTM si è volontariamente sottoposto, insieme alle Università e gli Enti Pubblici di Ricerca, alla Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) dell’ANVUR anche per gli anni 2015-2019. I risultati di questo esercizio hanno dimostrato che la qualità della ricerca condotta sotto l’egida del Consorzio INSTM è stata eccellente.

INSTM si è classificato primo tra le istituzioni volontarie per quanto riguarda il profilo del personale presentato. La valutazione ha distinto i ricercatori che non hanno cambiato qualifica durante il periodo di riferimento della VQR 2015-2019 (presumibilmente ricercatori senior) dai ricercatori neoassunti o che hanno avuto un avanzamento di carriera nel periodo 2015-2019 (presumibilmente ricercatori più giovani). Per entrambe le tipologie di personale, INSTM è al primo posto con voti medi rispettivamente di 0,97 e 1.

Per questo eccellente risultato il Consorzio ringrazia sentitamente tutti gli afferenti che pubblicano con l'affiliazione INSTM accanto a quella del proprio ateneo. La doppia affiliazione, infatti, è fondamentale per INSTM poichè ci ha permesso di selezionare, tra una vasta scelta, pubblicazioni di altissima qualità da esporre per la valutazione.

Anche la valutazione della qualità dei prodotti sottomessi nelle aree dell’Ingegneria Industriale e dell’Informazione (Area 09) e delle Scienze Chimiche (Area 03) ha evidenziato risultati di tutto rispetto per INSTM. Nelle Scienze Chimiche, INSTM si è posizionato al primo posto con un voto medio sui prodotti attesi di 0,98 e un indicatore R calcolato rispetto alle Istituzioni di riferimento (ossia tutti gli Enti volontari) di 1,08. Anche nel settore dell’Ingegneria Industriale e dell’Informazione, INSTM è risultato il migliore: il voto medio sui prodotti attesi è stato di 0,94 e l’indicatore R è pari a 1,2.

Infine, per quanto riguarda la Terza Missione, la VQR dimostra che INSTM rappresenta un caso di best practice nella valorizzazione della ricerca ed evidenzia l’importante contributo in termini di attività inventiva e di capacità di gestione della stessa, di offerta di attività di ricerca e servizi conto terzi e di relazioni positive con le nuove imprese nate dall’attività del Consorzio. INSTM è risultato secondo posto dopo l’ITT, a pari merito con CSGI, Elettra-Sincrotrone e FSCIRE, con una valutazione media di 0,8 su 1.

Il rapporto di area del GEV Interdisciplinare di Terza Missione entra nel dettaglio sulla valutazione del caso studio INSTM. Il Consorzio ha ottenuto un punteggio di 33,5 posizionandosi nella classe B-Eccellente. In particolare, queste sono state le valutazioni del GEV:

  • Dimensione sociale, economica e culturale dell'impatto: Punti 8.5 – Giudizio: significativo è l’impatto prodotto nelle tre dimensioni considerate
  • Rilevanza rispetto al contesto di riferimento: Punti 8 – Giudizio: è sicuramente significativo
  • Valore aggiunto per i beneficiari: Punti 8.5 – Giudizio: significativo per un’ampia platea di beneficiari.
  • Contributo della struttura proponente: Punti 8.5 – Giudizio: significativo nel generare l’impatto e presenta un legame diretto con i risultati della ricerca scientifica.

Scarica: Rapporto ANVUR VQR-2015-19; Tabelle VQR 2015-19; Resoconto INSTM VQR-2015-19.

© 2013-2022 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali