L’importanza di ricordarsi l’affiliazione INSTM nelle pubblicazioni

Le pubblicazioni nate, o anche che crescano parzialmente, nell’ambito di progetti, contratti e ricerche condotte sotto l’egida del Consorzio devono riportare anche l’affiliazione INSTM, accanto a quella dell’ateneo di appartenenza (basta aggiungere: & UdR INSTM di Firenze o Milano o Bologna ecc.). Questo per una serie di motivazioni.

Perché per INSTM è importante la doppia affiliazione?

La più importante è che il numero degli articoli pubblicati su riviste scientifiche internazionali è uno dei criteri su cui si basa la valutazione dell’ANVUR che, a sua volta, determina l’accesso al Fondo di finanziamento ordinario (FFO) del Mur, un contributo di vitale importanza per INSTM. Inoltre, la doppia affiliazione ha valore per l’Ateneo in quanto è la testimonianza oggettiva della collaborazione tra le due istituzioni, fondamentale per dimostrare i risultati della collaborazione con l’istituzione partecipata, ed è il riconoscimento dell’esistenza di una rete di relazioni nazionali ed internazionali consolidate.

Quali sono i vantaggi di indicare la doppia affiliazione per gli afferenti?

INSTM può garantire visibilità a tali pubblicazioni, purché, appunto, vi sia chiaramente indicata l’affiliazione consortile. Articoli per il sito web, Linkedin e la newsletter, comunicati stampa destinati a giornali e televisioni (se le ricerche hanno rilevanza per la società) sono tutte attività che rientrano a pieno titolo nella disseminazione dei risultati prevista da molti progetti di ricerca, non solo europei ma ormai anche nazionali e regionali, e che il Consorzio offre come servizio gratuito e gradito ai propri afferenti. Maggiore visibilità all’interno di INSTM, una rete di oltre 2900 ricercatori e rapporti consolidati con il mondo delle imprese e delle Istituzioni, significa avere più possibilità di essere coinvolti, come partner, in progetti futuri di ricerca e industriali. Più visibilità all’esterno equivale a costruire una solida e autorevole reputazione che può tradursi in innumerevoli vantaggi sia per il singolo gruppo di ricerca sia per INSTM.

È chiaro che affinché si instauri un circolo virtuoso, sarebbe opportuno informare sempre INSTM dell’imminente o recente pubblicazione di una ricerca particolarmente rilevante. Basta mandare una mail a cgilardelli@instm.it. Inoltre, nel caso di interviste o uscite sui media che non siano state gestite centralmente dal Consorzio, è buona norma citare sempre INSTM, se coinvolto nelle ricerche, e informare tempestivamente il dr. Gilardelli (cgilardelli@instm.it) in modo da darne ampia diffusione utilizzando i canali a nostra disposizione.

© 2013-2022 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali