INSTM entra nella Batteries European Partnership Association

INSTM ha aderito alla Batteries European Partnership Association (BEPA), una associazione di diritto privato che si interfaccia direttamente con le direzioni generali della EU. Al momento, BEPA conta 137 membri, tra cui 54 industrie, 56 tra università e enti di ricerca e 27 istituzioni associate. Rappresentante di INSTM all'interno di BEPA è il prof. Piercarlo Mustarelli, coordinatore del Centro di Riferimento GISEL, attivo sulle medesime tematiche di ricerca.

L’adesione al BEPA fa parte delle attività di lobbing internazionale che INSTM sta portando avanti nel campo della ricerca e sviluppo di materiali avanzati per le tecnologie di accumulo elettrochimico di energia e si colloca all’interno del rapido aumento delle iniziative collegate allo sviluppo di queste tecnologie sia a livello nazionale (Italian Battery Alliance) sia in Europa, dove spiccano Battery 2030+, Batteries Europe, European Battery Alliance e, appunto, BEPA.

INSTM, infatti, può giocare un importante ruolo dal punto di vista strategico, proponendosi come unico interlocutore nei confronti del tessuto industriale nazionale e internazionale e come un partner credibile nelle operazioni sinergiche pubblico-privato che costituiranno il futuro europeo nel settore dell’accumulo elettrochimico.

Questo è possibile poiché la quasi totalità dei gruppi accademici operanti nel settore afferisce al Consorzio, che è quindi in grado di concentrare una massa critica di competenze che altrimenti resterebbero frammentate e segmentate in gruppi di ricerca di dimensioni molto inferiori a quelle dei principali competitori in campo europeo e internazionale. INSTM, anche in questo caso, renderà più semplice l’individuazione, da parte delle aziende, del partner più adatto a fornire collaborazioni e consulenze e l’accesso ai finanziamenti europei nel settore.

© 2013-2021 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali