Pubblicato in Gazzetta il decreto attuativo per investimenti in economia circolare

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM dell'11 giugno 2020 con il quale il Ministero dello Sviluppo economico stabilisce i criteri, condizioni e procedure per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni a sostegno di progetti di ricerca e sviluppo per la riconversione dei processi produttivi nell’ambito dell’economia circolare.

I destinatari della manovra sono imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, e Centri di Ricerca che presentino (anche congiuntamente tra loro) progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla riconversione produttiva delle attività economiche attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali relative a:

  • innovazioni di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti;
  • progettazione e sperimentazione prototipale di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale;
  • sistemi, strumenti e metodologie per lo sviluppo delle tecnologie per la fornitura, l'uso razionale e la sanificazione dell'acqua;
  • strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo;
  • sperimentazione di nuovi modelli di packaging intelligente (smart packaging) che prevedano anche l'utilizzo di materiali recuperati;
  • sistemi di selezione del materiale multileggero, al fine di aumentare le quote di recupero e di riciclo di materiali piccoli e leggeri.

I progetti devono prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 500 mila euro e non superiori a 2 milioni, essere realizzati nell'ambito di una o più unità locali ubicate nel territorio nazionale, avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi.

INSTM può partecipare come fornitore di servizi di consulenza.

Le agevolazioni saranno concesse con procedura valutativa a sportello. Termini e condizioni per la presentazione delle domande, saranno stabiliti con successivo decreto direttoriale del MISE.

Le richieste di chiarimenti ed eventuali quesiti di natura normativa possono essere inviati all'indirizzo di posta elettronica: INFO_RS-FCS@mise.gov.it.

Riferimenti interni a INSTM per il bando sono Claudia Bettaccini (cbetta@instm.it) e Elisa Catelani (ecatelani@instm.it).

Scarica il DM dell'11 giugno 2020.

© 2013-2020 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali