Progetto BioMAN: Regione Lombardia si dimostra interessata

È emersa la disponibilità della Regione Lombardia e del Comune di Mantova a guardare con interesse questo tipo di progettualità, nella consapevolezza che da questa crisi (del Polo Chimico di Mantova, ndr) o si esce con una visione trasversale che coinvolge agricoltura, industria e infrastrutture o si può parlare solo di soluzioni tampone”. Sono le parole dell’ex Assessore Alberto Grandi a conclusione dell’incontro “Il Progetto di reindustrializzazione BioMAN”, tenutosi a Mantova lo scorso 9 aprile con lo scopo di illustrare i risultati fino ad oggi conseguiti dal progetto finanziato Fondazione Cariplo a INSTM nel 2014.

Gli fa eco l’Assessore all’Agricoltura Gianni Fava: “stiamo attraversando una delle fasi più complicate della ristrutturazione del mondo agricolo e bisogna trovare soluzioni alternative per garantire la sopravvivenza delle aziende in difficoltà. Siamo interessati e valuteremo il coinvolgimento del mondo agricolo, pronti a intercettare la fase operativa”.

L’Assessore comunale Andrea Murari ha riconosciuto i meriti di “uno studio eccellente dal punto di vista tecnico, che ha il vantaggio di anticipare i tempi e potrebbe essere una prospettiva idonea per il territorio mantovano”.

Alla prudenza dei possibili investitori, ai tempi di realizzazione non certi e un mercato ancora tutto da indagare risponde Flavio Manenti del Politecnico di Milano: “è sostenibile perché non intacchiamo il campo agricolo ma prendiamo lo scarto, perché a Mantova ci sono 140mila tonnellate di biomassa all’anno disponibile che se non smaltita emettono anidride carbonica e metano. Qui ci sono poi logistica e infrastrutture che altre zone non hanno e c’è un mercato locale. Abbiamo fatto richiesta per un finanziamento nazionale di 25 milioni e c’è la possibilità di finanziamenti europei per altri 20, le risorse umane stimate sono di circa 180 addetti: tutto ci porta a credere che qui c’è del potenziale”.

Scarica le presentazioni dell’incontro:

© 2013 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali