SUNSPACE vince l’Energy Globe Award

L’Energy Globe Award, il maggior riconoscimento internazionale in campo di sostenibilità ambientale, è andato quest’anno al progetto SUNSPACE, che si è aggiudicato il premio a livello nazionale. Condotto da ricercatori INSTM guidato da Elza Bontempi nel Laboratorio di Chimica per le Tecnologie dell’UdR di Brescia, Il progetto è risultato vincitore tra 2500 progetti presentati da più di 180 paesi.

SUNSPACE non è solo l’acronimo di SUstaiNable materials Synthesized from by-Products and Alginates for Clean air and better Environment (il titolo del progetto). È anche il nome dato al materiale innovativo sviluppato dai ricercatori INSTM.

Si tratta infatti di un intonaco ottenuto da sottoprodotti e scarti industriali, come il fumo di silice, e da materiali a basso costo, come gli alginati, e messo a punto in un precedente progetto del gruppo di Brescia denominato BASALTO, finanziato nell’ambito dell’Accordo di collaborazione tra INSTM e Regione Lombardia. Già questo aspetto potrebbe, di per sé, essere sufficiente in un’ottica di transizione verso una economia circolare.

Ma non è tutto. L’intonaco è anche attivo nel ridurre il livello di inquinamento atmosferico delle aree urbane. I pori a forma di coni di bottiglia sulla superficie del materiale son capaci di intrappolare almeno 24 g/mq di polveri sottili (PM 10 e PM 2.5), un valore superiore di due ordini di grandezza a quello delle foglie, lo ”strumento” più efficiente che abbiamo attualmente per la riduzione del particolato. Una volta che l’acqua piovana lava via gli inquinanti, l’intonaco è del tutto rigenerato e può intrappolare di nuovo altro particolato atmosferico. L’acqua di lavaggio, invece, finisce nel sistema fognario urbano e successivamente negli impianti di depurazione.

Sunspace costa pochissimo (0,6 euro al metro quadrato) ed è tuttora in fase di ottimizzazione, grazie anche alla collaborazione con Italcementi (realizzata dopo il conseguimento del Premio Marzotto, da parte del Laboratorio di Chimica per le Tecnologie).

LINK DI APPROFONDIMENTO

© 2013-2020 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali