Bando "Fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita": definite le modalità di presentazione domande

È stato pubblicato il Bando "Fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita" diretto a individuare le modalità di attuazione dell’intervento per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni in favore di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale nei settori applicativi coerenti con la Strategia nazionale di specializzazione intelligente “Fabbrica intelligente”, “Agrifood” e “Scienze della vita”.

I soggetti ammissibili sono le imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all'industria (attività di cui all'art. 2195 del c.c., nn. 1, 3 e 5), e i centri di ricerca. Per i soli progetti congiunti (fino a tre), anche gli Organismi di ricerca e, per i progetti del settore applicativo "Agrifood", anche le imprese agricole che esercitano le attività di cui all'art. 2135 c.c.

Tenuto conto dei vincoli del bando, INSTM può essere coinvolto come collaboratore in qualità di “fornitore di servizi di consulenza”. Nella valutazione del progetto presentato, le collaborazioni con Organismi di Ricerca (OR) saranno considerate facendo particolare riferimento alle competenze e alle esperienze specifiche necessarie allo sviluppo delle tecnologie cui è finalizzato il progetto, all’attinenza delle attività previste a carico dell’OR nell’ambito della ricerca industriale ovvero dello sviluppo sperimentale, nonché alla misura in cui le attività risultano necessarie per l’effettiva realizzazione del progetto.

I costi relativi ai servizi di consulenza non rientrano tra i costi diretti su cui è possibile calcolare le spese generali (l’impresa che affida all’OR un servizio di consulenza, non può rendicontare il 25% di spese generali sui costi della consulenza dell’OR). Saranno considerate solo le collaborazioni con costi ammissibili di domanda almeno pari al 10% del costo ammissibile di domanda del progetto.

Il budget della manovra è pari a 167 milioni di euro. I progetti di R&S devono prevedere spese e costi ammissibili superiori a 5 milioni di euro e fino a 40 milioni di euro. I costi sono agevolati con contributo diretto alla spesa e finanziamento agevolato. L’importo dell’agevolazione viene definito nell’ambito della fase di negoziazione. La durata deve essere non inferiore a 18 mesi e non superiore a 36 mesi, con possibile proroga non superiore a 12 mesi.

Con decreto direttoriale 27 novembre 2018 è stata disposta, a partire dalle ore 19.00 del 27 novembre 2018, la sospensione dei termini di presentazione delle proposte progettuali per i seguenti settori applicativi e territori:

  • settore applicativo “Agrifood” nei territori delle regioni più sviluppate
  • settore applicativo “Fabbrica intelligente” nei territori delle regioni più sviluppate e delle regioni meno sviluppate
  • settore applicativo “Scienze della vita” nei territori delle regioni più sviluppate e delle regioni meno sviluppate

Con decreto direttoriale 20 novembre 2018 sono stati stabiliti i termini e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione che devono essere redatte e presentate in via esclusivamente telematica dalle ore 10.00 alle ore 19.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a partire dal 22 gennaio 2019, pena l'invalidità e l'irricevibilità, utilizzando la procedura disponibile nel sito internet del Soggetto gestore.

Le attività inerenti alla predisposizione della domanda di agevolazioni e della documentazione da allegare alla stessa possono essere svolte dai soggetti proponenti anche prima dell'apertura del termine di presentazione delle domande. A tal fine la procedura di compilazione guidata è resa disponibile nel sito internet del Soggetto gestore a partire dal 17 dicembre 2018.

I dettagli e la modulistica inerenti la misura sono disponibili in allegato e al link www.sviluppoeconomico.gov.it.

© 2013-2019 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali