Terminato lo Strategy Paper dell’European Cluster on Catalysis (ECC)

Si è conclusa la stesura dello Strategy Paper dell’European Cluster on Catalysis (ECC). Il documento intende fornire alla Commissione Europea un punto di vista autorevole e strategico sul futuro della ricerca europea sulla catalisi in vista del prossimo Programma Quadro.

L’European Cluster on Catalysis (ECC) nasce dall’esigenza di far fronte alla forte concorrenza di Cina, India, Stati Uniti e Giappone ricomponendo la frammentazione della ricerca sulla catalisi in Europa, frutto di una mancanza di visione comune e di coordinamento e di un’asincronia tra le politiche energetiche nazionali e i principi che hanno ispirato il progamma Horizon 2020.

Il Cluster, al quale sono affiliati più di 700 scienziati provenienti da 20 paesi di tutta Europa e di cui fa parte anche INSTM, è concepito come una piattaforma aperta e dinamica accessibile a tutti gli attori e le parti interessate, sia dal mondo accademico che industriale, la cui attività è incentrata sulla catalisi e le relative applicazioni.

Gli obiettivi del Cluster sono coordinare e integrare le attività dei progetti sulla catalisi finanziati dalla Commissione Europea, discutere nuove proposte congiunte, definire le tematiche per le future call, creare sinergie tra le reti esistenti, sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo e i benefici della catalisi per la società e, soprattutto, instillare e stimolare una mentalità aperta, con laboratori interdisciplinari e forum di discussione sulle attività di frontiera e su idee e visioni per la catalisi.

Uno dei principali risultati del Cluster è stata la realizzazione della "European Roadmap on Science and Technology of Catalysis. A path to create a sustainable future", oggetto di un'ampia consultazione pubblica che ha coinvolto molte università, istituti di ricerca, organizzazioni, aziende e singoli scienziati di tutta Europa. La Roadmap è stata pubblicata ed è stata presentata e discussa in vari importanti eventi scientifici.

Il prof. Gabriele Centi, afferente all’UdR INSTM di Messina e membro della Giunta INSTM, è stato nominato Scientific Advisor dell’ECC. Accanto a Centi ci sarà, in veste di Project Technical Advisor, un’altra afferente INSTM, la prof. Silvia Gross dell’UdR di Padova. Il rappresentante ufficiale del Consorzio sarà invece la prof. Siglinda Perathoner, sempre dell’UdR di Messina. Il suo sarà un ruolo chiave: svolgerà un lavoro di raccordo tra il Cluster e gli afferenti INSTM interessati a seguirne i lavori e coinvolti nel settore della catalisi.

Scarica:

© 2013-2018 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali